come aprire un negozio zara

Aprire un negozio Zara in franchising

Come aprire un negozio Zara in franchising

Zara è un celebre marchio di abbigliamento (donna, uomo, bambino e di articoli per la casa), creato nel 1975 dallo spagnolo Amancio Ortega e sua moglie, che aprirono il primo negozio a La Coruña, in Spagna. Pochi anni dopo la coppia fondò il gruppo Inditex, che ad oggi comprende, oltre al brand Zara (compreso Zara kids e Zara home), Bershka, Pull and Bear, Massimo Dutti, Stradivarius, Uterque, Lefties e Oyshio. Caratteristica di questi marchi è che sono rivolti a una clientela mirata e che hanno prezzi piuttosto contenuti. Nello specifico, il punto di forza di Zara sta nell’essere un brand innovativo e in costante aggiornamento. Infatti questo marchio immette sul mercato sempre nuovi prodotti, con una cadenza media di ogni due settimane, rispetto ai classici sei mesi delle altre case di moda. Questa peculiarità ha reso Zara un bran apprezzato e molto noto, facendolo espandere in tutto il mondo rapidamente.
Zara utilizza il metodo del franchising, ossia dell’affiliazione commerciale che permette, su pagamento di un canone, di vendere dei prodotti a nome del marchio stesso, sin dal 1996, quando se ne servì per iniziare a operare sul mercato di Cipro. 5 anni dopo, nel 2001, erano già nati 31 negozi in franchising in 12 Paesi diversi. La metodologia del franchising viene solitamente utilizzata da Zara per inserirsi sui mercati considerati “difficili”, come in caso di paesi piccoli o dove vi sono grandi differenze culturali e vi è un alto rischio di fallimento, oppure dove sono presenti ostacoli di tipo burocratico.La domanda nasce spontanea, come aprire un negozio Zara? Di solito,  il metodo usato da Zara è quello di aprire negozi in forma diretta, ma anche in questo caso occorre comunque contattare direttamente l’azienda per avere chiari i piani e i metodi di espansione del brand. In Europa Zara ha personalizzato i rapporti con i punti vendita a seconda del paese in cui questi sono gestiti, ma le regole, soprattutto quelle relative alla distribuzione, sono esclusivamente di compentenza della casa madre, che gestisce design, produzione, distribuzione, pubblicità e campagne di marketing. In Italia, la quasi totalità dei negozi sono di proprietà direttamente della società, che solo in rarissimi casi concede il franchising. Nel caso in cui vogliate aprire un negozio servendovi del franchising, l’idea di scegliere un marchio affermato e di successo come Zara è sicuramente un’idea interessante. Tuttavia, ci sono alcune cose che dovete sapere. Come aprire un negozio Zara? Innanzitutto, il contratto di franchising dura 5 anni. Gli investitori sono graditi solo se si tratta di soggetti solidi dal punto di vista finanziario e se già operanti in settori analoghi. In sostanza, non è un affare alla portata di tutti. Inoltre, trascorsi i 5 anni, se il punto vendita affiliato ha raggiunto un buon successo e la nazione in cui si trova lo consente, Zara può decidere di acquistare il negozio. Detto questo, agli stores affiliati sono concessi tra il 5 e il 10% degli incassi delle vendite, oltre ad alcuni benefici: la possibilità di partecipare a corsi di formazione aziendale, accedere a servizi aziendali, logistici e risorse umane. Inoltre, per la merce rimasta invenduta, il punto vendita può ricevere un rimborso pari al 10%.