giovani agricoltori in Campania

Bando per giovani agricoltori in Campania

La Regione Campania finanzia i giovani agricoltori  in Campania con due interessanti misure di sostegno, pubblicate sul BURC n. 63 del 26/09/2016. Si tratta di bandi approvati dalla Direzione Generale per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali a seguito del Decreto Dirigenziale n.46 del 12/09/2016. Tali bandi, rientrano nel Piano di Sviluppo Rurale della Regione Campania per il periodo temporale 2014-2020.

Il Bando per i giovani agricoltori in Campania

I bandi per il sostegno allo sviluppo dell’agricoltura sono stati progettati per offrire un incentivo ai giovani imprenditori nel settore agricolo e, in particolare, per assicurare una presenza costante della popolazione giovanile in tutte le aree agricole della regione, soprattutto in quelle in cui i processi di desertificazione sociale risultano più avanzati. Inoltre, il bando vuole puntare ad un miglioramento della professionalità nel settore rurale, da effettuarsi con tecniche e metodologie imprenditoriali nuove ed innovative. A tal fine il bando definisce una priorità ed un focus che tendono, rispettivamente, al potenziamento dei redditi aziendali nei settori agricoli grazie alla promozione di tecniche e tecnologie avanzate e a favorire l’ingresso di giovani agricoltori nel settore rurale, garantendo la continuità e il cambio generazionale.

Chi può partecipare

I bandi per i giovani agricoltori in Campania sono aperti a tutte le persone, uomini e donne, che non abbiano ancora compiuto 41 anni e che presentino competenze certificate nel settore dell’agricoltura. Inoltre, devono avere acquisito un’azienda agricola, ossia devono essere titolari dell’azienda e proprietari del terreno su cui essa opera e devono garantire che essa sia in regola dal punto di vista fiscale e previdenziale. Inoltre, l’impresa agricola deve risultare iscritta alla CCIAA nella specifica sezione speciale relativa alle aziende agricole.
Inoltre, i soggetti che presentano domanda devono riportare tutta la documentazione richiesta dal bando, tra cui un Piano di Sviluppo Aziendale che permetta di evidenziare come, terminato tale progetto, si potrà godere di un incremento della produzione aziendale. Il PSA dovrà inoltre riportare una serie di indicazioni precise relative alle caratteristiche dell’azienda ossia all’ubicazione, al tipo di macchine ed attrezzature in uso, ai capi allevati, agli aspetti occupazionali e alla tipologia di mercati in cui ha generalmente sbocco la produzione dell’azienda. Ancora, dovranno essere dettagliate le principali tappe che permettono di svolgere al meglio il piano, accompagnato da un preciso piano degli investimenti da effettuare, ossia di eventuali ulteriori finanziamenti ottenuti o previsti. Infine, si dovranno definire con precisione quali possono essere le ripercussioni sull’ambiente e sulle condizioni di salute degli animali, nonché quali le possibilità di incremento delle attrezzature e sul miglioramento dell’organizzazione aziendale.

Presentazione delle domande e scadenza

Le domande devono essere presentate sia in via telematica tramite il portale SIAN sia su supporto cartaceo, esclusivamente compilando i moduli riportati in allegato al bando stesso. Tutta la modulistica deve quindi essere scaricata e compilata in ogni voce, assicurandosi di avere a disposizione tutti i certificati e la documentazione necessaria per poter procedere ad una corretta compilazione della domanda. Il termine ultimo per la consegna delle domande è fissato a venerdì 25 novembre 2016.