guadagnare con l'agricoltura

Guadagnare con l’agricoltura

Voglio andare a lavorare in campagna! Voglio guadagnare con l’agricoltura!

Immagino sia capitato anche a voi, magari un Lunedì mattina correndo verso l’ufficio in mezzo al traffico infernale, di esclamare: “Basta, non ne posso più! Voglio andare a lavorare in campagna! Voglio guadagnare con l’agricoltura !”

La riscoperta dell’agricoltura

Il desiderio di uno stile di vita più sano e rilassato che certamente interessa anche voi, ha portato negli ultimi anni alla riscoperta dell’agricoltura, interpretata come scelta di benessere ma soprattutto come opportunità professionale e fonte di guadagno stabile.
Questa tendenza è particolarmente diffusa tra i giovani di età inferiore ai 40 anni, che secondo i dati di Coldiretti, manifestano un interesse crescente nei confronti del comparto agricolo. In Italia oggi si contano circa 150.000 aziende del settore guidate da imprenditori “under 40”, che hanno scommesso sulla campagna trasformando un antico mestiere in moderna professione.

I nuovi agricoltori

Analizzando i dati è evidente come sia cambiata la figura dell’agricoltore: nell’immaginario collettivo il lavoro nei campi viene associato ad un mondo lontano, in cui il mestiere di contadino si tramandava di padre in figlio all’interno di famiglie con basso livello di istruzione. Ci immaginiamo un lavoro duro, scarsamente redditizio e poco gratificante, quasi sempre ereditato per mancanza di migliori opportunità. Oggi il quadro è completamente diverso ed il “nuovo agricoltore” non ha nulla a che fare con il contadino in senso classico: le nuove generazioni vantano un alto livello di scolarizzazione e nel 30% dei casi sono in possesso di laurea in Agraria.
Secondo le statistiche di Alma Laurea negli ultimi 5 anni le iscrizioni a questa facoltà hanno registrato un incremento del 40%, un vero e proprio boom.
L’attrazione verso la campagna è confermata anche dalle scuole superiori, che registrano un incremento del 30% di studenti.

Ma come si fa a guadagnare con l’agricoltura?

I modi per guadagnare sono molti e dipendono da vari fattori, tra cui il tipo di investimento scelto ed il tempo dedicato al business. Ci sono persone interessate ad arrotondare lo stipendio, che potremmo definire “agricoltori del tempo libero”: anche voi avrete qualche amico che ha ricavato un orticello in giardino, utilizzando parte della produzione per uso personale e vendendo ad una ristretta cerchia di conoscenti piccoli quantitativi di frutta o verdura, realizzandone un guadagno.
Ci sono poi i nuovi mestieri nati a seguito del rinnovato interesse per l’agricoltura, che hanno avuto impatti molto positivi in termini occupazionali e di tutela ambientale.

Possiamo citare la vendita diretta di prodotti a km zero; gli agriturismo che abbinano all’offerta turistica classica l’opportunità di partecipare ad attività contadine; le aziende per la trasformazione di latte, uva e olive; la produzione biologica di gelati, fino ad arrivare agli “agricosmetici”, prodotti di bellezza realizzati con ingredienti 100% naturali.
Innovativi sono anche i “farmers market”, dove è possibile acquistare varietà poco conosciute di frutta e verdura, senza dimenticare il crescente successo delle fattorie didattiche.

E se vendessimo agrumi online?

Un business interessante è quello della vendita online di mandarini e clementine: questi agrumi sono coltivati nel Sud Italia ed in passato venivano spesso prodotti in eccedenza, restando parzialmente invenduti.Oggi è invece possibile guadagnare con l’agricoltura. Oggi sono commercializzati sia direttamente che online, raggiungendo sempre nuovi consumatori. Le clementine sono anche protagoniste di una storia di eccellenza italiana che vi voglio raccontare. Un giovane imprenditore di Sibari, specializzatosi in Agraria a Vancouver, ha avuto un’ intuizione geniale semplicemente osservando gli agricoltori della sua terra. Molti contadini preferivano lasciar marcire i frutti sulle piante piuttosto che distribuirli, con un enorme spreco di risorse. Il nostro imprenditore ha pensato di produrre uno snack specificamente destinato ai distributori automatici di scuole ed uffici e la sua idea si è trasformata in un business di successo: oggi nessun frutto viene lasciato marcire, ma tutti si trasformano in una merenda sana e golosa.
Decisamente un bel matrimonio tra agricoltura ed imprenditoria moderna!