lavorare in Eni

Lavorare in Eni: posizioni aperte e come candidarsi

Le posizioni per quanto riguarda i posti di lavoro in Eni sono aperte. Dunque, sono molte le persone che possono provare a fare la richiesta. La selezione avviene tramite la propria registrazione online sul sito ufficiale e creando, così, un profilo professionale. Sarà per voi possibile inviare la candidatura per più posizioni. Iniziare a lavorare per Eni vuol dire entrare in una grande azienda, attiva nel settore in oltre 60 Paesi.

Lavorare in Eni: come inviare la propria candidatura

Innanzitutto, Eni offre la possibilità di valutare le opportunità che sono disponibili all’interno dell’azienda e di creare un vostro profilo professionale. Questo è proprio il passo principale che deve essere effettuato. Dopo aver concluso la registrazione, avrete l’opportunità di inviare la vostra candidatura. Vi è, inoltre, la possibilità di caricare i vostri dati direttamente dal vostro account personale di Linkedin. Al fine di avere più probabilità di essere contattato da Eni, è consigliato arricchire il proprio profilo con moltissime informazioni. Non solo: potrete anche tenerlo sempre in costante aggiornamento.

Lavorare in Eni: cosa accade dopo aver inviato la propria candidatura in Eni

La redazione, a questo punto, ha il compito di valutare i curriculum ricevuti, tenendo conto di precisi requisiti. Nel caso in cui la vostra candidatura sia idonea, verrai contattato dall’azienda al fine di avviare una conoscenza. Attraverso un’intervista la redazione dovrà comprendere le vostre competenze nel settore. La selezione avviene in base anche ai livelli di esperienza che possiedono i candidati. In particolare, vengono presi in considerazione i laureati, i diplomati e coloro che hanno già avuto delle esperienze lavorative. Non solo: sono di gran lunga apprezzate le candidature di geologi, economisti e ingegneri. A questo punto, in caso dovessi essere scelto da Eni, sarà proprio l’Ufficio del Personale che deciderà di contattarvi, al fine di ufficializzare l’inizio della collaborazione. In ogni caso, avrete una risposta, che sia negativa o positiva, da parte della redazione di Eni. Iniziando a lavorare con l’azienda noterete subito una grande crescita professionale. Lo stesso sito online di Eni consiglia di stare attenti alle false offerte di lavoro per conto di tale azienda. Per tale motivo, è necessario tener conto che Eni non chiede né dati personali e bancari e né denaro, in cambio del posto di lavoro.

Lavorare in Eni: posizioni aperte

Attualmente l’azienda cerca determinate figure che riguardano due posizioni, ovvero “Vendor Manager” e “Category manager products and appliances”. La prima è dedicata ai laureati in Economia o in Ingegneria. Questi devono, però, avere almeno 3 o 5 anni di esperienze lavorative in questo settore. È richiesta, in questo caso, una buona conoscenza della lingua inglese. Il contratto è a tempo indeterminato e la sede è a San Donato Milanese. Mentre per quanto riguarda la posizione “Category manager products and appliances”, i requisiti sono gli stessi della precedente, ma l’esperienza lavorativa deve essere stata svolta nei campi del product marketing o del category managment. La sede di lavoro per l’azienda Eni è la stessa della posizione “Vendor Manager”, compreso il contratto. A volte, però, non sono presenti delle posizioni aperte che corrispondano a voi. In questo caso, è possibile inviare comunque la propria candidatura. Questa sarà presa in carico quando si presenteranno delle opportunità lavorative relative alle vostre esperienze.