lavorare in svizzera

Lavorare in Svizzera: consigli utili per chi cerca lavoro

Se volete lavorare in Svizzera, prima di partire ed imbarcarvi in un’avventura, è consigliabile informarsi prima su cosa vi potrebbe aspettare. Dal tipo di lavoro più richiesto ai documenti da dover presentare, dal costo della vita in Svizzera fino al tipo di contratti che vengono offerti.

Lavorare in Svizzera: qualche consiglio per chi è alla ricerca di un lavoro

Se si decide di andare a lavorare in Svizzera è bene informarsi sulle possibilità di lavoro prima di partire. Grazie ad internet, oggi è possibile trovare un gran numero di informazioni sulle richieste di lavoro più comuni, potendo quindi recarsi in Svizzera con le idee ben chiare. Visitando il sito ufficiale dell’autorità federale del lavoro, ossia “area-lavoro.ch”, è possibile accedere ad una serie di portali di annunci di lavoro, in cui sono riportati gli uffici di collocamento ai quali è necessario iscriversi. Un’altra possibilità è quella di cercare lavoro tramite i diversi siti di offerte e richieste lavoro: sarà quindi necessario caricare un proprio curriculum o riempire i campi in cui vengono effettuate domande sulle competenze ed esperienze pregresse.
Se vi trovate già in Svizzera dovete ricordare che i singoli cantoni offrono vari centri di consulenza, che permettono di migliorare le possibilità di trovare un lavoro in uno specifico settore.

I contratti di lavoro in Svizzera

Il lavoro in Svizzera prevede una serie di diversi contratti di lavoro che inglobano o meno le assicurazioni contro infortuni sul lavoro, che definiscono le giornate di ferie e malattia e molto altro ancora. Per avere informazioni sui diversi tipi di contratti di lavoro offerti in Svizzera può essere utile visitare il sito “www.seco.admin.ch”, che permette di conoscere al meglio tutti i diritti e doveri dei lavoratori elvetici in relazione ai vari tipi di contratto di lavoro.
In linea di massima, se state pensando di andare a lavorare in Svizzera, dovete almeno sapere che i principali tipi di contratto lavorativo che vengono rilasciati sono tre: quello individuale, quello collettivo e quello definito normale. Inoltre, vengono riconosciuti contratti e agevolazioni particolari per il lavoro giovanile, per le donne in attesa di bambino o in fase di allattamento.

Bisogna ricordare che se si va in Svizzera per cercare un lavoro non è necessario disporre di particolari permessi, ma basta essere in possesso di un documento di riconoscimento. Tuttavia, se il lavoro non viene trovato entro tre mesi, non si può restare sul territorio elvetico se non si dispone di un permesso di soggiorno di breve durata, valido per ulteriori tre mesi. Si tratta di un permesso specifico per quanti sono alla ricerca di un lavoro e, in casi particolari, tale permesso può essere prolungato anche fino alla durata di un anno. Quando il lavoro che si è trovato ha durata stagionale o annuale, viene rilasciato questo stesso permesso di soggiorno, che scade allo scadere del contratto di lavoro. In caso di lavoro a tempo indeterminato, invece, il permesso ha durata di cinque anni, passati i quali è necessario procedere ad un rinnovo.

I salari

I salari in Svizzera sono più alti di quelli italiani e, in molti settori, sono i più alti del mondo. Essi presentano anche una particolarità, ossia di non essere uguali, a parità di lavoro e posizione, da un cantone ad un altro. Naturalmente va sottolineato che anche il costo medio della vita è più alto rispetto alla media italiana. Per questo non bisogna lasciarsi ingannare dai valori elevati degli stipendi senza considerare, di contro, le spese necessarie per poter condurre una regolare vita: le spese per gli affitti delle case, così come per i servizi sono infatti molto più alti di quanto ci si possa aspettare.